fbpx
22966
post-template-default,single,single-post,postid-22966,single-format-standard,stockholm-core-1.0.8,select-theme-ver-5.1.5,ajax_fade,page_not_loaded, vertical_menu_transparency vertical_menu_transparency_on,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.3,vc_responsive

La polizza Key Man: come poter tutelare le figura chiave della tua azienda

Dopo aver affrontato le polizze Long Term Care e Dread Disease che servono a tutelare la propria salute, ora mi concentro sulla salvaguardia delle aziende.

Chi è il "Key Man"?

In un’azienda il capitale più importante da chi è rappresentato? Dalle risorse umane.

Alcune di queste, possono essere difficilmente sostituibili in virtù della funzione strategica che svolgono all’interno dell’azienda stessa.

Sto parlando dei “Key Man”, ovvero Amministratori Delegati, commerciali con portafogli importanti, un socio sulle cui idee l’azienda è cresciuta, il gestore d’impresa, il direttore creativo, il responsabile del settore ricerche e direttore di un dipartimento.

In sostanza, figure professionali che, per le proprie competenze e capacità, ricoprono un ruolo di grande rilievo all’interno dell’azienda.
Sono quindi  quelle persone non rapidamente sostituibili, la cui indisponibilità o decesso potrebbero causare danni patrimoniali importanti all’azienda.

La polizza “Key Man” è lo strumento assicurativo che tutela la professionalità garantendo all’azienda le risorse necessarie per superare il momento di difficoltà.

Quindi, al pari di un bene aziendale (immobili, macchinari, ecc), l’uomo chiave viene assicurato per garantire all’azienda la liquidità per superare la crisi

Quindi, ritengo che ogni azienda, consapevole dell’importanza di queste figure professionali di rilievo, dovrebbe salvaguardarsi rispetto al danno economico che potrebbe derivare dalla loro scomparsa o indisponibilità.

E’ necessario quindi tutelarsi con soluzioni assicurative che possano garantire adeguate capitali per superare l’impasse con misure e azioni straordinarie.

Con la polizza KEY MAN si garantisce la liquidazione di un capitale in caso di premorienza dell’Uomo Chiave e offre una soluzione immediata per fronteggiare le criticità sorte in seguito all’evento “morte”, assicurando la continuità dell’attività, ma soprattutto evitando di intaccare le risorse economiche dell’Azienda già abbastanza “scossa” dall’importante perdita.

Perchè un'azienda dovrebbe stipulare un'assicurazione "Key Man"?

Premetto che le imprese interessate all’operazione sono tutte quelle aziende che vogliono proteggersi dall’assenza di una figura fondamentale per la propria attività.

Il contratto non impone alcuna restrizione basata sulla grandezza della società, forma giuridica, tipo di attività praticata, o quantità di affari.

La copertura prevede:

  • morte derivante da qualsiasi causa
  • invalidità permanente derivante da qualsiasi causa (infortunio o malattia)
  • malattie molto gravi

Ma vediamo alcune casistiche in rapporto tra società e polizza Key Man:

SE IL KEY MAN è UN SOCIO DI UNA SOCIETÀ DI PERSONE:

  • Il capitale dovrebbe coincidere verosimilmente con la quota e in questo caso la polizza permetterebbe di liquidare i suoi eredi senza intaccare le risorse dell’Azienda. Infatti l’Art.2284 del Codice Civile prevede che in caso di morte di uno dei soci, i rimanenti devono liquidare agli eredi il valore della quota spettante al socio deceduto.
  • Con la “Key Man”, la società eviterebbe di contrarre debiti o intaccare il patrimonio per liquidare gli eredi, qualora questi non volessero subentrare al socio deceduto.

SE IL KEY MAN E’ UN SOCIO DI UNA SOCIETà DI CAPITALI, DI PERSONE, OPPURE UNA FIGURA CHE RICOPRE UN RUOLO FONDAMENTALE ALL’INTERNO DELL’AZIENDA:

  • l’Azienda si tutela garantendosi un capitale consistente in caso di premorienza della figura chiave, condizione che provocherebbe un danno economico diretto e immediato.
  • Questo capitale potrà essere per esempio utilizzato per ingaggiare sul mercato un nuovo manager o per pagare delle consulenze utili per il proseguimento dell’attività.
  • La copertura non si configura come benefit per il manager, essendo stipulata dall’Azienda a proprio favore.

La polizza Key assume in genere i tratti tipici di un’Assicurazione sulla Vita Temporanea Caso Morte o di un’Assicurazione a Vita Intera.

La polizza Key Man a vita intera è ovviamente valida per “tutta la vita” a fronte di versamenti di premi che possono essere limitati nel tempo e a vita intera.

Questa soluzione da un lato offre la possibilità di fornire la garanzia per l’intero arco di vita dell’Assicurato e dall’altro ha, dal punto di vista fiscale (che vedremo più avanti), l’ambiguità di indurre a considerare fiscalmente deducibile l’intero premio versato.

Il premio invece è composto da una parte che rappresenta la copertura per la garanzia morte ed una parte destinata al risparmio.

Ti ricordo che solo la parte a copertura della garanzia morte può essere deducibile fiscalmente

La polizza Key Man Temporanea Individuale è una copertura limitata nel tempo che copre esclusivamente il rischio di decesso.

Ci possono essere anche delle coperture complementari da affiancare alla Polizza Key Man, per esempio le coperture che tutelano il rischio di invalidità permanente per qualunque causa (malattia o infortunio), oppure coperture per malattie molto gravi (Dread Disease). Anche in questo caso, il beneficiario deve essere l’azienda.

Aspetti e trattamenti fiscali

Vorrei chiarire alcuni presupposti

Il premio di queste polizze è deducibile dal bilancio, in quanto rappresenta un costo inerente all’attività d’impresa (art. 109, comma 5 – TIUR 917/86) quando:

  • l’Assicurato sia essenziale per l’attività dell’Azienda
  • l’evento assicurato sia limitato alla durata del rapporto
  • l’ammontare del premio non sia antieconomico

Ai fini della deducibilità fiscale, è quindi necessario tenere conto del principio di inerenza (le spese e gli altri componenti negativi diversi dagli interessi passivi, sono deducibili se e nella misura in cui si riferiscono ad attività o beni da cui derivano ricavi o altri proventi che concorrono a formare il reddito) e del principio di congruità (la deducibilità è subordinata alla loro congruità rispetto ai ricavi o alla natura dei beni acquistati o delle prestazioni ricevute).

L’Azienda paga un premio “inerente” all’attività d’impresa, per un capitale “congruo” rispetto alla rilevanza del denaro.

Questo tipo di polizza quindi mette al sicuro il valore dell’azienda, garantendo la continuità del lavoro per essere sempre presenti e dare sicurezza ai clienti e partner in affari.

Se hai ancora dubbi e domande, puoi contare sulla mia consulenza.

The following two tabs change content below.

Giulio Zaccarelli

Sono Giulio Zaccarelli, consulente finanziario. 25 anni di esperienza. Ascoltando i tuoi bisogni, ti consiglio e proteggo il tuo patrimonio da pericoli specifici, utilizzando  strumenti che possano tutelare i tuoi risparmi e farli crescere nel tempo.
Nessun commento

Scrivi un commento